Il Direttore

Il Direttore

Prof. Gihane Zaki

Direttore Accademia d’Egitto a Roma

Portavoce
della diplomazia culturale

 

Il nome di Gihane Zaki è strettamente legato alla diplomazia culturale, gli obiettivi raggiunti durante la sua carriera hanno dimostrato la sua innata capacità di saper coniugare la Cultura/ricerca alla realtà politica e trarne uno strumento di dialogo con l’obiettivo di avvicinare i popoli.

Nasce a Il Cairo nel 1966 e dalla cattolica scuola del Sacro Cuore a Il Cairo sino al dottorato in egittologia a Lione, il suo percorso formativo è sempre stato all’insegna dell’approfondimento, comprendere le civiltà studiandone il contesto storico, considerando prima di ogni cosa l’Arte e la Cultura come espressioni dell’umanità.

Ha proseguito la sua carriera in ambito universitario sino al 2003 per poi continuare per 10 anni per conto del governo egiziano, nel panorama delle organizzazioni internazionali con l’incarico di gestire i delicati dossier culturali egiziani.

Nel 2010 è stata nominata Presidente del Nubian Fund, dimostrando come non si possano scindere economia e conservazione del patrimonio culturale mondiale.

Nonostante gli importanti incarichi, Gihane Zaki non ha mai smesso di fare ricerca accademica, sua principale attività, che tutt’oggi svolge con grande passione in qualità di ricercatore associato per il prestigioso centro nazionale delle ricerche (CNRS) in Francia.

Nel 2012, il destino di Gihane Zaki la porta a Roma, nella città eterna, dopo aver vinto il concorso nazionale del Ministero della Cultura egiziano annunciato per la prima volta subito dopo la primavera araba.

Gihane Zaki è diventata la prima donna ad essere Direttore della prestigiosa sede dell’Accademia di Belle Arti d’Egitto a Roma.

La sua missione a Roma non è stata semplice, ha superato diverse sfide, dai continui rovesciamenti politici sino ai duri momenti nelle relazioni internazionali, senza dimenticare la crisi economica, e, malgrado questi “venti contrari” è riuscita comunque a tenere ferma la volontà di difendere e diffondere l’Arte egiziana, facendo dell’Accademia d’Egitto a Roma una vera e propria roccaforte della cultura egiziana ed africana.